Corsa | La ricetta perfetta - Francesca Tognoni
  • Corsa | La ricetta perfetta

    Nov 30th • Posted in Run A Life

    In un mondo dove il cibo ricopre un ruolo sempre più importante, le ricette vengono rivisitate, destrutturate per essere poi nuovamente riscoperte ed osannate grazie al loro essere così tradizionali, io ho cercato la ricetta perfetta della mia passione.

    La ricetta di ogni giorno che termina con un allenamento. La ricetta che alimenta la mia passione per la corsa. In cucina, mi rilasso è vero, ma il vero toccasana della settimana sono i miei allenamenti. Ognuno diverso, ma tutti accomunati dagli stessi ingredienti.

    INGREDIENTI

    • 5/6 Capi colorati
    • 50g Ritrosia
    • 250g Forza di volontà
    • 250g Entusiasmo
    • 300g Determinazione
    • 200g Coraggio
    • 250g Forza muscolare
    • Divertimento qb
    • Spirito di sacrificio qb

     

    PREPARAZIONE

    La mattina contate i capi necessari come fossero ingredienti, distendeteli nella borsa e lasciateli decantare per la stessa durata delle ore di lavoro.

    Consiglio n°1 – La conta garantisce l’asetticità dello svolgimento ed aiuta ad evitare sia i problemi di abbinamento di stile e colore sia gli inutili pensieri della mente, come : “Ma chi me lo fa fare?” “Magari questa sera sarò stanca!”

    Alla sera, raggiunto il luogo dell’allenamento, sbucciate e detorsolate ogni ritrosia, affettandola per riporla di nuovo nella borsa da utilizzare in altre occasioni. Raccogliete la forza di volontà e cambiatevi assimilando, per osmosi, l’entusiasmo profuso da chi ha già terminato l’allenamento. Montate a neve la determinazione effettuando un movimento dal basso verso l’alto per ossigenare bene il composto. Non spegnete le fruste fino a quando non otterrete un’amalgama vaporoso, ma solido al punto giusto da non vacillare ulteriormente.

    Uscite dallo spogliatoio e affrontate il freddo.

    Durante il primo chilometro di riscaldamento, sciogliete a fuoco lento le tensioni della giornata, i pensieri insistenti, le preoccupazioni e le arrabbiature. Una volta fuso completamente, avete ottenuto il fuso di negatività. Spegnete il fuoco e lasciatelo raffreddare mentre vi avviate di corsa a completare il riscaldamento.

    Scendete in pista, raggiungente la linea di partenza e preparatevi a mescolare gli ingredienti principali. Raccogliete in un recipiente sufficientemente capiente il coraggio di mettervi in gioco, unite in pari misura la forza muscolare ed iniziate a mescolare. Di tanto in tanto, aggiungete qualche cucchiaio di spuma di determinazione alternandovi con l’aggiunta di farina di divertimento e un pizzico di spirito di sacrificio. Continuate a mescolare aumentando progressivamente la velocità e mantenendo sotto controllo la leggiadria del passo e la rotondità della falcata.

    Consiglio n°2 – Se il composto dovesse presentarsi troppo denso aggiungere lentamente del fuso di negatività. Per effetto contrario, infatti, verranno rilasciate sufficienti endorfine per garantire omogeneità e sufficiente serenità.

    Quando il composto preparato si presenta fluido e scorrevole aumentare nuovamente la velocità fino al punto da non avere più fiato in corpo, il cuore in gola e gli occhi inumiditi dalle lacrime di gioia.

    Eseguite degli esercizi di stretching mentre scegliete il piatto di portata nel ranking dei vostri migliori allenamenti. Adagiatevi il preparato leggermente raffreddato e servite con il vostro miglior sorriso.

    A proposito di cucina…In casa stiamo affrontando l’amara verità che lega indissolubilmente le prestazioni sportive e l’alimentazione. Il problema? Nessun problema se non fosse che io e Nick sogniamo di aprire un Bistrò francese pieno di tutte le leccornie del mondo. Ci piace cucinare, ci piace la buona cucina e ci piace condividere con gli amici, invitarli a cena e sperimentare nuove ricette. Viviamo sospesi tra la scelta consapevole degli alimenti che bilancino l’apporto proteico ed evitino il picchio glicemico e la tentazione di soddisfare il .

    Si può vivere in questo modo? Lo stile di vita in cucina penalizza il gusto? Si può essere #FitGourmet?

    Se vi va di scoprirlo, #RunALife va in cucina! Stay Tuned!

    Written by Fra Images by Fra&Nik | All rights are reserved